Change Language: it
/
CallCenter (+39) 041 24 24
Login
/
/
Il sito turistico ufficiale
della Città di Venezia
City of Venice

Tu sei qui

La Venezia più verde

Al Lido per giardini Liberty e oasi naturali

Il cuore verde di un’isola fra città e mare aperto

Frequentato da veneziani e forestieri per la sua spiaggia dalla fine sabbia dorata e per la Mostra Internazionale d’Arte cinematografica, il Lido racchiude un ricco patrimonio di giardini e oasi naturali da scoprire a piedi o in bicicletta, anche fuori stagione.

Racchiusa fra laguna e mare Adriatico, fino a metà Ottocento quest’isola lunga 11 chilometri era una campagna disseminata di orti, vigne, carciofaie, e anche stalle, fossi, mulini e pozzi che sorgevano accanto a torri di guardia e postazioni militari, che facevano parte dell’antico sistema difensivo della laguna di Venezia.

Venne inaugurato solo nella notte di San Giovanni del 1857 il primo stabilimento balneare del Lido, che nel giro di alcuni decenni diventò una delle spiagge più esclusive d’Europa frequentata da reali e artisti. Il paesaggio rurale venne progressivamente cancellato da ville e alberghi di ispirazione eclettica con inusuali elementi di ispirazione romanica, bizantina, gotica, rinascimentale o montana magistralmente realizzati da progettisti e artigiani in pietra cementizia, ferro battuto, vetro di Murano, ceramiche di Bassano e di Treviso.

I giardini ombrosi, che circondano gli edifici, si mostrano oggi con riservata eleganza attraverso le recinzioni affacciate sull’acqua o su strade e viali percorsi da pedoni, biciclette e autoveicoli. Sbocciano tutto l’anno le fiorite decorazioni dello stile liberty su scalinate, terrazze, torrette, logge ma anche berceau, vasi, statue, panchine. Stretti percorsi in ghiaino si addentrano fra sempreverdi pini domestici e marittimi, cedri del Libano, magnolie, lecci, tassi, palme e pittospori. Aiole bordate da siepi di bosso e folta convallaria accolgono fioriture stagionali e piccoli tappeti di edera.

Da aprile si susseguono scenografici grappoli lilla e bianchi dei glicini, candidi fiori di robinia e gelsomino profumano l’aria, vigorosi oleandri richiamano l’occhio con i loro colori, invadenti convolvoli si avvincono con le loro campanelle, romantiche rose si ergono al sole, rampicanti viti americane e canadesi in autunno si tingono di rosso. Fra le chiome di platani e aceri che costeggiano il Gran Viale spicca la facciata del Grande albergo Ausonia & Hungaria coperta da mirabili maioliche con figure femminili e motivi vegetali policromi: recentemente restaurata, è un capolavoro del bassanese Luigi Fabris e si estende su una dimensione record di 800 metri quadrati!

All’angolo con il lungomare D’Annunzio si annuncia un’ampia macchia verde di pini, cedri, cipressi, tassi e magnolie: è il bosco rimaneggiato a parco con grande varietà di alberi, opera del paesaggista Tramontin per proteggere la privacy degli ospiti dell’ex Hotel des Bains, celebrato dallo scrittore Thomas Mann e successivamente dal regista Luchino Visconti in Morte a Venezia. Un’ombrosa vegetazione che si rischiara nell’area delle piscine, ridisegnata da Pietro Porcinai dal 1968 al 1971.

Ricchissimo di fioriture è il giardino dell’Albergo Quattro Fontane, che nel nome ricorda le cisterne sotterranee che un tempo raccoglievano l’acqua piovana, filtrata dalle dune sabbiose. Accanto alla Barchessa realizzata negli anni sessanta da Alfeo Pauletta di Pola per la famiglia Bevilacqua, sorge un inatteso chalet opera di inizio Novecento di Giovanni Sicher.
Ancora visibili alcuni elementi cinquecenteschi dell’antico casino che, progettato da Gian Antonio Rusconi con Andrea Palladio per il nobile Daniele Pisani, era luogo di ameni incontri e conversari fra le vigne e nel tardo Ottocento osteria frequentata da poeti ed artisti fra cui Robert Browning.
Un’area assolutamente green del Lido è quella del Circolo Golf Venezia, creato all’inizio degli anni trenta dal conte Giuseppe Volpi di Misurata, allora presidente della Compagnia Italiana Grandi Alberghi: un’area di oltre 100 ettari agli Alberoni, estremità meridionale dell’isola con pini marittimi, salici, pioppi e gelsi attorno a una fortificazione austriaca.

Per chi ama gli ambienti naturali e più selvaggi, a pochi passi c’è anche l’Oasi WWF delle Dune degli Alberoni, dove scoprire un habitat unico prescelto da numerosi uccelli che qui sostano o svernano.
Per due chilometri si susseguono la spiaggia nuda, le dune mobili con la vegetazione pioniera, le dune interne con praterie aride e con una flora simile a quella di steppa e infine le bassure interdunali con praterie umide. Alle spalle una pineta di 30 ettari, nata da un rimboschimento realizzato nel dopoguerra.

Un altro scrigno di biodiversità è la Riserva naturale dell’area di San Nicolò, all’altro capo dell’isola, verso nord. Alle spalle di una spiaggia ariosa e profonda una vegetazione tipicamente costiera sopravvive a sabbia e salsedine che la sferzano e incrostano, a piogge che la dilavano, all’intensa evaporazione causata dal sole e dal vento. Un ambiente “estremo” che ci riporta alle origini del Lido.

testo di Mariagrazia Dammicco


 INFORMAZIONI UTILI

Come arrivare al Lido

Vaporetti e ferry boat ACTV: +39 041 2424 actv.avmspa.it
Motoscafi Alilaguna: +39 041 2401701, www.alilaguna.it

Come muoversi al Lido

Bus ACTV linee A, B, C, V +39 041 2424 actv.avmspa.it
BikeSharing Venezia – VeNice in Bike (Imob card) www.comune.venezia.it/
Noleggio bici Gardin Anna Vallì +39 041 2760005
Lido on Bike +39 041 5268019
Venice Bike +39 041 5261490

Informazioni

Municipalità Lido Pellestrina www.comune.venezia.it +39 041 2720511
Oasi WWF Dune Alberoni www.dunealberoni.it +39 348 2686472
Circolo Golf Venezia www.circologolfvenezia.it +39 041 731333
Wigwam Club Giardini Storici Venezia www.giardini-venezia.it
giardini.storici.venezia@gmail.com  +39 388 4593091 +39 328 8416748

Da leggere, per farsi guidare

AA.VV., Lido e Pellestrina. Guida delle due isole maggiori della laguna sud di Venezia, Vianello Libri 2007
L. Menetto e L.Vianello,
Itinerari illustrati tra storie e leggende dell’isola, Edizioni Voilier, Maglie (LE) 2013
A. Rossani, Il Lido dal liberty all’art déco, in Lido. Isola d’oro, a cura di C. Boscolo, P. Lando, F. Tagliapietra, www.venicefoundation.org

D. Simionato Putz, Il Lido. Un ponte tra Venezia e la Grecia, Vianello Libri 2010
M. Dammicco, Guida ai giardini di Venezia, foto di Gabriele Kostas, La Toletta Edizioni, Venezia 2013 

L'architettura del Lido, dal liberty agli anni '50, catalogo on line della Municipalità di Lido Pellestrina
www2.comune.venezia.it/

Il Lido di Venezia tra storia e liberty
www.turismo.provincia.venezia.it/turismoambientale/cd_1/itinerari/lido/lido.html


DETOURISM
è la campagna della Città di Venezia per promuovere il turismo slow e sostenibile.

Ti consigliamo…

  • TEATRO LA FENICE

    Visita con audioguida al Teatro La Fenice 

    MAGGIORI INFORMAZIONI

  • PEGGY GUGGENHEIM COLLECTION

    La Collezione è uno dei più importanti musei in Italia per l'arte europea ed americana del XX secolo

    MAGGIORI INFORMAZIONI

  • Willy Ronis. Fotografie 1934-1998

    Dal 6 settembre 2018 al 6 gennaio 2019, la Casa dei Tre Oci di Venezia rende omaggio al grande fotografo francese Willy Ronis (1910-2009)
    Acquista ora il tuo biglietto!

    MAGGIORI INFORMAZIONI

  • CASANOVA MUSEO&EXPERIENCE

    CASANOVA - MUSEUM & EXPERIENCE

    Vivi l’esperienza di scoprire Venezia attraverso i luoghi in cui Casanova fu protagonista delle sue avventure. 

    MAGGIORI INFORMAZIONI